List

Prendendo spunto da un interessante servizio delle Iene trasmesso su Italia 1 il 21/04/2012 e che riporto di seguito: con questo link: clicca qui

Cerchiamo di capire cosa si va a pagare nella bolletta elettrica:

Non parlando di numeri ma in percentuali, i valori sono elencati come di seguito:

Voce Percentuale
Corrente consumata dalle nostre utenze 59,5%
Costi di rete (tralicci, cavi e tutto quello che serve per portare l’energia elettrica nelle nostre case) 13,7%
Costi per sostenere le rinnovabili (fotovoltaico, eolico e biomasse) 9,7%
Sostegni economici per acciaierie, raffinerie, impianti a carbone ed inceneritori 2,2%
Dismissione delle centrali nucleari avute dal 1974 al 1987 ed al mantenimento in sicurezza delle scorie radiattive di queste centrali in Italia +  voci non tanto chiare come “particolari regimi tariffari delle ferrovie” 1,2%
Tasse su beni e servizi ma calcolate su tutte le voci (anche sulla voce delle rinnovabili che non dovrebbe essere conteggiata) 13,7%

In merito alla voce per le rinnovabili faccio presente che parte di questa (intorno al 25%) ritorna indietro (allo STATO) tra tasse ed investimenti sugli impianti. I costi di distribuzione che sosteniamo possono essere di gran lung a ridotti poiché la maggior parte di questi costi servono a prelevare la corrente all’estero e portarla da noi. Inoltre le distanze fanno perdere energia che paghiamo ma non utilizziamo.

Infine,  produrre energia dal fotovoltaico viene incontro, come dice lo stesso Golia nel video, ad una riduzione di richiesta energetica nelle ore di punta della giornata in quanto il sole si trova nel momento di massimo irraggiamento facendo produrre ai pannelli al massimo delle loro capacità.

Questo processo porterà ad un risparmio in bolletta di almeno il 5%…

Per non contare il fatto che questo sistema ci permette di ridurre quasi a zero la nostra bolletta investendo su un impianto fotovoltaico per casa.

Molte cose negative sono state dette… spero che questo articolo chiarisca un pò le idee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *